Sistemi di sicurezza a bordo di Azimut e Sistema di Monitoraggio del conducente DSM

La sicurezza nel trasporto dei passeggeri su strada è fondamentale per tutte le aziende del settore. Essa dipende da due elementi essenziali: le revisioni sistematiche della flotta e i sistemi di sicurezza a bordo. Il nostro dipartimento R+D ha sviluppato un sistema intelligente combinato che previene efficacemente le situazioni di rischio più importanti e frequenti.

 

I sistemi di sicurezza a bordo di Azimut

Lo studio approfondito delle esigenze, la ricerca e lo sviluppo delle più moderne tecnologie ci ha portato a configurare due sistemi attivi di base che garantiscono sia la sicurezza dei passeggeri sia quella dei professionisti al volante che compongono il tuo team.

Il primo di essi è un insieme di strumenti di assistenza alla guida che fornisce al conducente informazioni su tutti gli incidenti esterni che possono rappresentare un rischio durante il tragitto. Questo è ciò che chiamiamo sistema ADAS, sigla inglese per “Sistemi Avanzati di Assistenza alla Guida”.

Il secondo, ma non per importanza, è un sistema intelligente volto a rilevare possibili errori umani. Questa soluzione si chiama DSM, anch’essa sigla inglese per “Monitoraggio dello Stato del Conducente”.

 

DSM, per il monitoraggio del conducente

Il sistema di sicurezza DSM è uno dei più importanti, poiché con esso si rileva una delle principali cause di incidenti catastrofici: la distrazione e la stanchezza del guidatore. Utilizza una telecamera a infrarossi e un sistema di visione artificiale intelligente ed è costantemente concentrato sul conducente essendo posizionato di lato o di fronte. Osserva il suo atteggiamento e i diversi indicatori del viso.

Attraverso questo sistema, la CPU rileva comportamenti non sicuri o inappropriati del conducente, quali: distogliere troppo gli occhi dall’orizzonte, utilizzare il cellulare, fumare o qualsiasi altra circostanza che distolga la sua attenzione. Una causa fondamentale di essi, che non dipende da atti volontari o atteggiamenti correggibili, è la stanchezza.

Il suo algoritmo di riconoscimento facciale permette di stabilire tutta una serie di punti di controllo di riferimento, adattati in base alla fisionomia e alle caratteristiche di ciascun conducente. È in grado di rilevare, anche con occhiali da sole, eventuali scostamenti dai parametri normali, allertando il professionista con segnali acustici e visivi.

Questi sistemi di sicurezza a bordo sono conformi a tutti gli standard normativi e la loro capacità è avvantaggiata dalle informazioni quotidiane e in tempo reale che migliaia di veicoli riversano nei loro database. Facilitano il lavoro dei professionisti, aggiungono valore alla tua azienda e, soprattutto, riducono i rischi.